Chiese in Provincia di Modena - città di Prignano Sulla Secchia: Chiesa di San Lorenzo Martire e San Michele Arcangelo

Chiesa di San Lorenzo Martire e San Michele Arcangelo
S. Lorenzo M. e S. Michele Arc.

MODENA / PRIGNANO SULLA SECCHIA
Prignano sulla Secchia (MO)
Culto: Cattolico
Diocesi: Reggio Emilia - Guastalla
Tipologia: chiesa
Sulla facciata della chiesa, caratterizzata dall'ultima ricostruzione che ha invertito l'orientamento dell'aula, e aggiunto le navate laterali, è chiaramente leggibile il corpo principale, mentre sul lato sinistro sono identificabili le tracce del campanile demolito nel secondo dopoguerra. La pianta è a tre navate, con abside semicircolare. Una trabeazione sostenuta da paraste di ordine tuscanico fascia la navata principale per proseguire sul presbiterio coronando quattro colonne libere con... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Sulla facciata della chiesa, caratterizzata dall'ultima ricostruzione che ha invertito l'orientamento dell'aula, e aggiunto le navate laterali, è chiaramente leggibile il corpo principale, mentre sul lato sinistro sono identificabili le tracce del campanile demolito nel secondo dopoguerra. La pianta è a tre navate, con abside semicircolare. Una trabeazione sostenuta da paraste di ordine tuscanico fascia la navata principale per proseguire sul presbiterio coronando quattro colonne libere con capitello di ordine corinzio.

Pianta

La pianta è a tre navate, con abside semicircolare. La navata principale è coperta a botte, con lunette in corrispondenza delle finestre, mentre la navate minori, di altezza inferiore, sono coperte a crociera.

Prospetti

La facciata della chiesa è caratterizzata dalla leggibilità delle fasi costruttive: il corpo centrale, corrispondente alla navata principale, identifica la chiesa più antica, mentre le navate laterali, edificate nella ricostruzione di inizio ottocento, sono raccordate con ali curvilinee. La facciata è dunque tripartica, come tre sono gli ingressi. In alto al centro si trovano una finestra ad arco polilobato e un piccolo rosone. Sopra al cornicione color cotto si posizionano tre pinnacoli con croce. La facciata è completamente tinteggiata di bianco ad esclusione della cornice sommitale.

Struttura

La struttura muraria non è visibile direttamente, ma il forte spessore fa presumere che sia in blocchi o ciottoli di pietra.

Coperture

La struttura di copertura è probabilmente in legno, il manto in coppi.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione è il cotto di produzione recente.

Elementi decorativi

La chiesa è caratterizzata internamente da un apparato decorativo ottocentesco di carattere floreale che interessa la navata principale e la zona presbiteriale. Una ricca ancona in stucco si trova al centro della conca absidale.

1020 - 1150 (prime notizie preesistenze)

Secondo il Tiraboschi sarebbe la prima chiesa di Prignano, la cui costruzione dovrebbe risalire intorno all'anno Mille, e la consacrazione del 1150 riferirsi ad una ricostruzione parziale o totale.

1318 - 1437 (origine parrocchia carattere generale)

Nei ruoli delle decime del 1318 due sole chiese restano sotto l'appellativo «de Pregnano»: la chiesa di San Lorenzo e quella di San Michele. Dall'unione di queste due chiese, avvenuta nel 1437 durante i primi anni del primo dominio estense, ha origine la storia dell'attuale parrocchia.

1543 - 1664 (consistenza preesistenze)

Da una prima descrizione del 1543 la chiesa era ad una sola navata con l'abside rivolto a levante e due soli altari. La descrizione relativa alla "visita Marliani" del 1664 conferma l'impianto, con l'aggiunta di due altari realizzati ai lati dei precedenti.

1800 - 1820 (ristrutturazione e inversione orientamento intero bene)

Risale al principio dell'Ottocento, al tempo dell'arciprete Don Francesco Marzocchini l'attuale impostazione della chiesa, con orientamento inverso rispetto all'originario e tre navate.

1847 - 1848 (abbandono e recupero intero bene)

Passata da Don Marzocchini a Don Prati, la nuova chiesa parrocchiale andò per circa venticinque anni in completo e desolante abbandono; ne risollevò le sorti Don Riccò, che provvide anche a far realizzare un nuovo organo (rovinato poi da un fulmine alla fine dell'Ottocento).

1929 - 1946 (demolizione campanile)

Nel 1929 Don Marzani dà avvio alla costruzione di un nuovo campanile, poichè l'esistente "a colombaia" che poggia sulla navata in cornu evangeli, cioè meridionale, ha una pendenza di 30 cm e reca danno alla chiesa. Il nuovo campanile, separato dall'aula liturgica, è inaugurato nel 1938; il vecchio demolito nel 1946.

Mappa

Cimiteri a MODENA

Via Sassuolo Formigine (Mo)

Via Degli Etruschi 52 Castelfranco Emilia (Mo)

Via Serrasina Soliera (Mo)

Onoranze funebri a MODENA

Via Leopardi 140 Prignano Sulla Secchia

Via Falloppia 26 41012 Carpi

Strada Statale Nord 41 Mirandola