• Home
  •  > Notizie
  •  > «S’indaga per omicidio Autopsia sui tre corpi Nessun segno violento»

«S’indaga per omicidio Autopsia sui tre corpi Nessun segno violento»

Omicidio colposo: è il reato ipotizzato «contro ignoti» in via puramente formale dalla Procura per avviare le autopsie sui corpi dei tre detenuti deceduti all’interno di Sant’Anna: Hafedeh Chouchane, 36 anni, tunisino, Slim Agrebi, 41 anni, tunisino, Erial Amadi, 37 anni, marocchino. Sui loro corpi il medico legale inviato dal pm Lucia De Santis non ha trovato alcun segno di violenza visibile. Anzi, per due di loro la causa ipotizzata subito è di overdose da stupefacente. In questo caso, metadone. È la sostanza rubata a litri durante il saccheggio dell’infermeria. Il terzo decesso è invece da chiarire: il detenuto è stato trovato cianotico ed è morto poco dopo. L’incarico all’Istituto di Medicina Legale avverrà al più presto. Perché, ha spiegato ieri mattina il procuratore aggiunto Giuseppe Di Giorgio, l’intenzione della Procura è di fare immediatamente luce sui decessi; successivamente si indagherà anche sulla rivolta e i danni che ha provocato: in questo caso le ipotesi di reato saranno sicuramente la resistenza aggravata a pubblico ufficiale e danneggiamenti aggravati. Infine è aperto il capitolo dei tentativi di evasione che richiederà altre indagini specifiche su singoli episodi segnalati. Insomma, la Procura ha un lungo lavoro davanti per mettere punti fermi sulla tragica rivolta. «I decessi non sono stati assolutamente dovuti a scontri con la polizia penitenziaria ma all’assalto all’infermeria durante i disordini, le cui cause saranno approfondite e che probabilmente sono da ricollegare all’uso di sostanze stupefacenti e farmacologiche. Per tutti e tre i morti», ha spiegato il procuratore aggiunto. Gli altri quattro corpi sono di detenuti deceduti fuori del circondario e quindi non procede la Procura di Modena ma quelle interessate: Verona, Parma e Alessandria, Ascoli. Di questi tre si sa ancora poco. Quanto all’elemento scatenante della rivolta, ha detto: «Non abbiamo ancora elementi per dare una risposta». —

Pubblicato su Gazzetta di Modena