• Home
  •  > Notizie
  •  > Vignola, malore stronca a soli 41 anni Max cuoco dell’Osteria della Luna

Vignola, malore stronca a soli 41 anni Max cuoco dell’Osteria della Luna

Vignola. Ieri il ritrovamento nell’abitazione che occupava da solo Il dolore della famiglia Tondelli: «Affranti. Un talento e uno di famiglia» 

VIGNOLA. Per molti era “semplicemente” Max. Max dell’Osteria della Luna, uno dei locali più conosciuti di tutta la fascia pedecollinare e vignolese. Ed era uno dei “ragazzi” che lavora in cucina per la famiglia Tondelli. Prezioso collaboratore dell’oste Antonio che è da sempre anima del locale di piazza Boncompagni. Aveva 41 anni, Max, e ieri mattina è stato trovato privo di vita nella sua casa di Vignola. Probabilmente stroncato da un malore improvviso che non gli ha dato scampo.

Di origine cambogiana, ma cresciuto a Bologna. Da un po’ di tempo abitava, e lavorava, in città. Conosciuto da molti frequentatori, Max si intratteneva con i clienti dopo il suo turno di lavoro. Lo faceva sposando in pieno il clima che, come noto, si respira all’Osteria della Luna. Una notizia tragica, che ha sconvolto la famiglia Tondelli e tutti i dipendenti impegnati in una delle attività più conosciute della zona e non solo. Se ne va un componente importante dello staff dell’osteria, ma soprattutto un amico. Un ragazzo cresciuto lavorativamente tra i fornelli del locale vignolese. La famiglia Tondelli lo ricorda con parole toccanti, cariche di affetto e dolore: «Max ha dato un contributo straordinario al successo dell'Osteria della Luna – sottolineano - grazie a un talento unico e a una grandissima passione per la cucina». Questi, poi, sono ancora i pensieri che arrivano dal locale di piazza Boncompagni. Il ricordo di Max continua: «La fragilità della vita ci porta via uno chef eccezionale e un ragazzo sensibile che però avrà sempre un posto nel cuore di tutto il nostro staff e in quello delle tante persone che lo hanno conosciuto e gli hanno voluto bene».

Di ieri mattina, come detto, il drammatico ritrovamento e la notizia che è arrivata in poco tempo anche all’osteria. Max che non risponde né al telefono né al campanello, l’arrivo dei vigili del fuoco di Vignola che, intuita immediatamente la situazione delicata, sfondano la porta ed entrano all’interno dell’abitazione. Max è lì, privo di vita, probabilmente colto da un malore che gli è stato fatale. Come accade in questi casi potrebbe essere predisposta l’autopsia per capire le cause della morte del 41enne vignolese.

Quel che resta adesso è il dolore di amici, colleghi, parenti, della famiglia Tondelli oltre che della moltitudine di clienti ospiti dell’Osteria della Luna. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Pubblicato su Gazzetta di Modena