• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio a Vladimiro Torre della comunità nomade

Addio a Vladimiro Torre della comunità nomade

Nato e cresciuto lavorativamente a Carpi era un perdo della comunità “nomade” reggiana. Lunedì mattina è morto il 75enne Vladimiro Torre detto “Cavalini”, presidente dell’associazione Them Romanò di Reggio, uno dei principali rappresentanti del mondo sinti emiliano, attivo in tanti percorsi di integrazione, di ricerca storica e di solidarietà. A lui si devono la riscoperta di vicende locali emiliane poco note, come la presenza di partigiani sinti nella montagna reggiana (dove i futuri genitori di Torre si rifugiarono durante la guerra) e la creazione di un luogo di internamento a Prignano, in cui vennero mandati parecchi nomadi nel corso del conflitto. E fra questi, altri parenti di “Cavalini”. Vladimiro lascia i figli avuti dalla moglie Catia, scomparsa nel 2019, nipoti e tanti parenti. I funerali oggi alle 14 a Budrio.

Pubblicato su Gazzetta di Modena