• Home
  •  > Notizie
  •  > Il lutto / Il sindaco Muzzarelli ricorda Adriana Querzè: «Sapeva cercare soluzioni ai nuovi bisogni della nostra città»

Il lutto / Il sindaco Muzzarelli ricorda Adriana Querzè: «Sapeva cercare soluzioni ai nuovi bisogni della nostra città»

MODENA La scomparsa di Adriana Querzè ha suscitato un profondo cordoglio nel mondo politico modenese.

Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli ricorda così Adriana Querzè, scomparsa a 67 anni, in un messaggio di cordoglio in cui sottolinea anche come «il suo impegno per la crescita del sistema scolastico modenese, con attenzione ai più deboli e svantaggiati, abbia rappresentato un’autentica missione educativa che ha guidato ogni sua decisione: dall’attivazione di nuovi servizi comunali per rispondere ai nuovi bisogni della società e delle famiglie, fino alle scelte organizzative per affrontare con efficacia le difficoltà degli enti locali».

Cordoglio è stato espresso anche dal presidente del Consiglio comunale Fabio Poggi che, da assessore, ha condiviso l’impegno in giunta tra il 2009 e il 2014. «Oltre all’indubbia competenza sulle questioni scolastiche e alla determinazione con la quale ha sempre perseguito i propri obiettivi – ricorda Poggi – è importante sottolineare anche la capacità di sviluppare innovazioni significative nel settore dell’Istruzione inserendosi comunque nella consolidata tradizione politica e amministrativa della città».

Il Partito Democratico della città di Modena e la Federazione provinciale esprimono le più sentite condoglianze alla famiglia di Adriana Querzè, la cui morte, scrivono i Dem in una nota, «lascia un grande vuoto. La sua indubbia competenza e la sua passione, messe al servizio dei cittadini modenesi per 10 anni nel ruolo di assessora alla Pubblica istruzione, sono un esempio di impeccabile gestione della cosa pubblica. Dedicò tutta la sua vita al mondo della scuola, fu insegnante alle elementari e poi dirigente scolastica, pubblicando vari libri di testo. Lavorò come formatrice dei docenti, soprattutto riguardo tematiche quali disabilità e intercultura, collaborando anche con enti locali e università. Una donna instancabile che ha sempre messo al primo posto il bene della comunità».

Oltre alla politica, gli ex colleghi e tanta gente comune di Modena hanno testimoniato il loro affetto e il dolore ieri su Facebook. Scrive una docente: «Da oggi mancherà una grande donna. Grazie per il tuo impegno sempre e comunque. Grazie per ciò che hai fatto per la nostra scuola come dirigente e come assessora. Grazie per averci permesso di conoscerti e di imparare da re. Mancherai». C’è chi ha ricordato il suo impegno arrivato anche in Africa. E il ricordo in un altro post al marito. «Anche se, è e sarà dura, non vivere più con una persona che hai sempre amato, condiviso dolori gioie, discussione, divergenze, a volte tantissimi pareri diversi. Questa è la vita vissuta in modo completo».

 

Pubblicato su Gazzetta di Modena